Riferimento: AS LAM77

80 225W Starter Light Tech

(0)

Codice articolo: AS LAM77 Venduto da: eticastore srl - Brescia Spedito da: eticastore srl - Brescia Tempo medio di consegna giorni: 2 - sabato e festivi esclusi   1 starter (1,83 €)25 starter (1,58 € cadauno)

Prezzo 1,50 €
Disponibile
Più
In stock

Riferimento: MP 2286

Misurino graduato da 100 ml

(0)

Codice articolo:  OR 01111 Prodotto in:  extra UE Confezione disponibile da:  1 misurino Lunghezza disponibile: Venduto e spedito da:  etica&stetica.it - Travagliato Bs Tempi di consegna giorni:  1 - ordini oggi entro le ore 11.00 e lo ricevi domani Contatta il venditore: @etica&stetica.it

Prezzo 0,80 €
Disponibile
Più
In stock

Riferimento: ID 2002

Doccetta Lavatesta in ABS Cromata

(0)

Codice articolo: ID 2002 Venduto e spedito da: eticastore srl - Brescia Tempo medio di consegna giorni: 1 - sabato e festivi esclusi

Prezzo 15,20 €
Disponibile
Più
In stock
Tutte le migliori vendite
Castello Della Paneretta
Castello Della Paneretta

Castello Della Paneretta

La Paneretta è una delle aziende più antiche del Chianti Classico: una prima vendemmia è descritta nel 1596 in documenti di fattoria presenti alla Biblioteca Riccardiana.
Il Castello della Paneretta fu costruito intorno a un'antica torre d'avvistamento, dopo che i Ghibellini, all'indomani della battaglia di Montaperti nel 1260, diedero ordine di abbandonare il vicino Castello di Cepparello.
I primi proprietari furono i Vettori. L'ultima erede, Maddalena, portò in dote nel 1577 il castello al marito, Ludovico Capponi. I due coniugi lo restaurarono completamente e fecero affrescare da Bernardino Poccetti il loggiato del cortile interno. La Paneretta divenne in quell'epoca luogo di passaggio di artisti e letterati, tra cui Girolamo Muzio, che le dedicò un poema.
Nel 1669 il castello diventa dei Marchesi Strozzi che ne conservarono la proprietà fino al 1984. Negli anni '70, la fattoria conobbe un periodo di forte decadimento e rimase per quasi un decennio in stato di abbandono, con la nuova proprietà cambiano gli obiettivi e inizia un lungo lavoro per riportare la Paneretta all'antico splendore, i primi risultati son quasi immediati, Daniel Thomases nella guida Veronelli del 1991 scrive della paneretta: «Il chianti classico riserva 1985 era superbo e non mi pare un caso», la riserva 1985 ebbe 92 punti su Wine Spectator.
Alla Paneretta, spinti dai primi riconoscimenti e rendendosi conto delle potenzialità del territorio, inizia un grande lavoro di ristrutturazione e di ammodernamento. Vengono realizzati i primi vigneti nuovi, la filosofia è già dagli inizi quella di valorizzare il territorio utilizzando solo vitigni autoctoni, vengono innestati i cloni di Sangiovese e Canaiolo provenienti dai vecchi vigneti dell'azienda, ritenendo queste piante più adatte perché già naturalmente selezionate.
Insomma nel momento in cui tutti iniziano ad utilizzare vitigni internazionali, la Paneretta sceglie la strada dei vitigni autoctoni (Sangiovese e Canaiolo). Questa decisione sembrò essere frustrata quando alla fine degli anni '90 il disciplinare del Chianti Classico cambiò e venne data la possibilità di utilizzare oltre all'80% di Sangiovese un 20% di altri vitigni anche internazionali, sembrava quasi che ci si dovesse vergognare del nostro territorio e della nostra storia.

Ci scusiamo per l'inconveniente.

Prova a fare nuovamente la ricerca

Seguici su Facebook